Notizie Romane

Un tempo i turisti venivano a Roma in inverno

Anton de Waal, il mitico rettore per così dire mitico del Campo Santo Teutonico (1837-1917), al quale è stato recentemente dedicato un volume di studi dettagliati, scrive nel suo "Rompilger" (qui ottava edizione del 1904, pp. 46-47) 

"Dopo la presa di Roma nel 1870, il censimento ha evidenziato 226.000 abitanti; includendo la periferia e gli ex alunni delle numerose istituzioni educative straniere, come i militari, Roma oggi conta circa 500.000 abitanti. Il numero medio giornaliero di stranieri durante i mesi invernali, soprattutto intorno a Pasqua, può essere stimato a 20.000".

Quelli erano tempi benedetti! Oggi Roma conta circa 3 milioni di abitanti. Solo nei Musei Vaticani arrivano ogni giorno fino a 35.000 visitatori. Ma ora, in inverno, il flusso di visitatori diminuisce un po'. Ciò che è interessante è l'osservazione di de Waal che la stagione turistica vera e propria nel 19° secolo era l'inverno. Anche molti tedeschi hanno trascorso l'intero inverno nel clima piacevole di Roma. Erano chiamati gli "stranieri d'inverno" (Noack, 1907, 268). Gli ospiti evitavano l'estate a causa del caldo (e della malaria). L'ideale di bellezza di abbronzarsi è diventato popolare solo con la star televisiva Sophia Loren. Prima l'abbronzatura non era vista di buon occhio, perché gli abbronzati erano solo i poveri che dovevano lavorare nei campi. Ora Loren è diventato un modello, e di conseguenza i soggiorni a Roma dei belli e ricchi europei si sono spostati dall'inverno all'estate, da Piazza Navona alla spiaggia di Ostia.