La lavanda dell'altare maggiore di San Pietro

Il Notiziario mensile "La Basilica di S. Pietro", curato da Pietro Zander della Veneranda Fabbrica di San Pietro (guidato dalla biblioteca di Campo Santo), ha scritto un bellissimo articolo sul lavaggio dell'altare del giovedì santo nell'ultimo numero. Questo rito è raffigurato in un quadro del 1894, raffigurante i canoni di San Pietro con una lunga candela in mano. Ognuno di loro riceve anche un aspergillo speciale da un chierichetto, poi sale all'altare maggiore da dietro, cosparge l'altare con "vino greco", lucida la tavola dell'altare e poi scende di nuovo a sinistra.

Si cantano versi di salmo che ricordano la Passione di Cristo. Il lavaggio dell'altare fa parte dei riti del Giovedì Santo, quando l'altare viene liberato da tutti i gioielli e può essere pulito di conseguenza. Il vino greco è un vino bianco di elevato gradiente alcolico, che pulisce bene grazie alla sua consistenza, ma non lascia alcuna macchia sul marmo. Il rito è ovviamente un atto sacro. In passato, l'altare non è stato lavato con Sidolin o simili sostanze dannose per l'ambiente. Il lavaggio degli altari è comune anche nella chiesa orientale. Qui si raccoglieva l'acqua per la pulizia - almeno nei primi tempi di chiesa - perché collegata alla polvere dell'altare e considerata curativa. Il rito della consacrazione dell'altare era consuetudine in Occidente per gli altari maggiori di tutte le chiese fin dal Medioevo, così come tutti gli altri recipienti liturgici venivano puliti durante la Settimana Santa. La cerimonia descritta non è stata abbandonata in San Pietro fino al 1999, quando Giovanni Paolo II vi tenne l'Eucaristia e non in Laterano. Poiché nel frattempo Francesco non tiene più questa Eucaristia in San Pietro, si potrebbe tornare all'antica usanza.