Dal Mondo

Quarantena - spiritualità biblica di una misura precauzionale veneziana

Di Andreas Raub

Il termine "quarantena" deriva dalla lingua italiana e, simile a "ghetto", fu coniato a Venezia nel XIV e XV secolo. Deriva dalla pratica di negare alle navi provenienti dalle zone di peste del Levante l'ingresso in città per 40 giorni. Da "quaranta giorni" viene "quarantena". La diffusione di malattie infettive dovrebbe essere impedita da un periodo di isolamento, da "isola".

Dobbiamo anche la parola "lazzaretto" alla misura precauzionale veneziana. Nel 1423 Bernardo da Siena propose la costruzione di un ospedale più grande sull'isola del Lazzaretto Vechio, situata a sud della città lagunare. Su quest'isola c'era la chiesa di Santa Maria di Nazaret, sulla quale i pellegrini in Terra Santa erano già stati trattati in precedenza. Il patronato della chiesa "S. Maria di Nazaret" si fuse con il nome del santo della peste e della lebbra, San Lazaro, così che Lazaro e Nazaret divennero il nome dell'isola "Lazzaretto" e da questo a sua volta il nome dell'ospedale. È interessante notare che Papa Francesco parla spesso della chiesa come di un lazzaretto da campo.

Qui, e sull'isola di Lazzarretto Nuovo, a tre chilometri a nord-est, l'equipaggio della nave ha aspettato 40 giorni per il passaggio in porto. I dipinti murali dell'ospedale di quarantena, alcuni dei quali sono ancora oggi visibili, danno un'impressione dell'incertezza e della noia di coloro che vi stazionavano (vedi illustrazione).

Il periodo di quaranta giorni di isolamento si basava meno sui moderni standard dell'empirismo medico che su un'imitazione concreta di Cristo, un tempo spirituale e fisico di igiene e purificazione biblicamente fondato. Il numero 40 era ed è di grande importanza per l'ebraismo e il cristianesimo. È un tempo di prova, di purificazione e di maturazione:

Quaranta giorni e quaranta notti la pioggia durò mentre Dio pose Noè e la sua arca sotto la sua protezione; Abramo non mangiò cibo per quaranta giorni e quaranta notti prima di voler sacrificare suo figlio Isacco; Isacco aspettò fino a quarant'anni fino a quando decise di fondare una famiglia con Rebecca e di adempiere così alla promessa di Dio. Il popolo d'Israele ha attraversato 40 anni di deserto e Mosè ha trascorso 40 giorni sul Monte Sinai fino a quando non gli è stato permesso di ricevere la Parola di Dio, le tavole sante dell'alleanza. Ricordando questo, dice: "Ricorderete tutto il cammino che il Signore vostro Dio vi ha condotto attraverso questi quarant'anni nel deserto per farvi accondiscendere e per mettervi alla prova. Voleva sapere come avreste deciso se avreste osservato o meno i Suoi comandamenti. (Deut 8:2)

Papa Benedetto XVI scrive nel suo primo libro su Gesù: "Quando Gesù "digiunò per 40 giorni e 40 notti, aveva fame" (Mt 4,2) [...] I quattro angoli del mondo descrivono il tutto, e dieci è il numero dei comandamenti. Il numero cosmico moltiplicato per il numero dei comandamenti diventa un'affermazione simbolica per la storia di questo mondo in generale. Gesù, per così dire, vaga ancora una volta attraverso l'Esodo di Israele, e poi vaga attraverso gli errori e la confusione della storia in generale; i 40 giorni di carestia comprendono il dramma della storia, che Gesù assorbe e porta in sé. (S. 58).

La preghiera delle 40 ore, a Le Quarantore, è ancora praticata in poche comunità, ma risale a una pratica della Chiesa primitiva. Come forma straordinaria di preghiera, nel XVI secolo, fu ripresa da Carlo Borromeo o da Filippo Neri, e fu recitata nei tre giorni di Pasqua (Triduum Paschale), oltre che in caso di pericolo e di epidemie. Risale alla durata del riposo funebre di Gesù, che è durato dal pomeriggio del Venerdì Santo alla mattina di Pasqua ed è stato calcolato che è durato 40 ore.

Il termine quarantena, che deriva dal simbolismo numerico biblico, è stato interpretato come un tempo di prova, di purificazione e di maturazione, come una concreta imitazione di Cristo. Nel vivere e nel sopportare l'ostile isolamento, si riferisce alla Pasqua e alla caratteristica essenziale di Dio: la comunione.