QUI IL PASSATO HA UN FUTURO

Istituto di ricerca storica dal 1888

Römische Quartalschrift

... für Christliche Altertumskunde und Kirchengeschichte

  • L’unico periodico cattolico in lingua tedesca, interamente dedicato alla storia della Chiesa
  • Orientato sulle più recenti ricerche su Roma, Italia e sulla storia
  • Uno dei periodici più antichi di Roma
  • Pubblicato 2 volte l’anno in versione stampata, online e su app
  • Rivista scientifica di classe A
  • Servizio clienti gestito dalla casa editrice Herder

 

RQ

La “Römische Quartalschrift" (ISSN 0035-7812) rappresenta, per così dire, la rivista in-house del collegio sacerdotale del Campo Santo Teutonico (Vaticano), fondata nel 1887 da Anton de Waal (1837-1917), rettore del Campo Santo, per rivendicare la missione scientifica del collegio. Per decenni i membri del collegio e i borsisti della Società di Görres vi hanno pubblicato le loro ricerche. Dal 1953 la rivista viene pubblicata per conto del collegio sacerdotale del Campo Santo Teutonico in Roma e dell’Istituto Romano della Società di Görres; il comitato scientifico è attualmente composto da Stefan Heid (responsabile), Dominik Burkard e Hans-Peter Fischer, in collaborazione con Thomas Brechenmacher (Potsdam), Jutta Dresken-Weiland (Regensburg), Michael Durst (Chur), Bernd Engler (Tübingen), Rudolf Schieffer † (Bonn), Andreas Sohn (Paris) und Günther Wassilowsky (Frankfurt).

mostra il contenuto degli ultimi quaderni/annate

La RQ pubblica, di regola, contributi in lingua tedesca, al fine di preservare e promuovere il tedesco come lingua scientifica mondiale. Tuttavia, i saggi possono essere presentati anche in altre lingue europee e verranno tradotti per la pubblicazione.
La RQ copre l’intera storia della Chiesa, inclusa l’archeologia cristiana, e rientra nel settore della storiografia della Chiesa cattolica. Pubblica saggi e recensioni e si considera un organo prettamente scientifico, orientato alle fonti primarie della ricerca. Ogni contributo ricevuto è sottoposto a peer-review, ovvero ad almeno due pareri scientifici, a seguito dei quali gli editori valutano l’accettazione, che può essere anche condizionale, in funzione di correzioni o modifiche che possono essere imposte all’autore.

Ordina ora: in formato cartaceo - digitale - App

La RQ può essere ordinata come pubblicazione integrale o come singoli estratti dei saggi, direttamente alla casa editrice Herder.

Ranking ottimale

Nella lista iniziale di ERIH "Religious Studies and Theology" (2007) della European Science Foundation, la RQ si posiziona al più alto livello A (ERIH-PLUS).

Nella classifica dell'Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca si colloca nella massima classe A.

La RQ è stata inclusa nell'indice di citazioni ESCI nel 2018.

Servizi e compensi per gli autori

Gli autori della Römische Quartalschrift non ricevono un estratto cartaceo, ma un PDF del loro contributo e trenta copie del volume corrispondente; richiedendole per tempo, possono ordinare in anticipo anche altre copie del volume ad un prezzo speciale. Gli autori della RQ hanno uno sconto su tutti i supplementi monografici della RQ. La fondazione per la promozione dell’Istituto Romano della Società di Görres sostiene giovani autori e studiosi con un contributo fino a € 200 per ciascun articolo.

Indicazioni per gli autori

I manoscritti devono essere inviati in formato Word e PDF a Stefan Heid o a un altro curatore della rivista. I contributi non possono essere proposti contemporaneamente ad altre riviste. I manoscritti pervenuti ricevono una duplice revisione, sulla base della quale vengono accettati o rifiutati. I contributi devono avere un’impostazione scientifica, fondata sullo studio diretto delle fonti, principalmente negli ambiti della storia della Chiesa e dell’archeologia cristiana. Un riferimento a Roma o all’Italia è preferibile, ma non obbligatorio. Salvo rare eccezioni, i contributi vengono pubblicati soltanto in lingua tedesca; articoli in altre lingue potranno essere tradotti in tedesco per la pubblicazione.

Norme redazionali

Gli articoli accettati devono essere modificati e redatti secondo le indicazioni degli editori. Per le norme redazionali e le modalità di citazione, si possono consultare gli ultimi numeri della rivista. (Pagina esemplificativa) I principali criteri sono comunque riepilogati in una scheda di promemoria.
Le immagini devono sempre essere inviate in formato digitale, come singoli file, non incorporati in altri documenti. In ogni caso si dovrebbero rispettare le linee guida qui brevemente riassunte.